Giovani e Lavoro: know how o know why?

11/06/2012

Focus Convegno GIOVANI E LAVORO KNOW HOW O KNOW WHY?

In collaborazione con Regione Lombardia - DG Occupazione e Politiche del Lavoro

Come ha di recente precisato l’Istat con una nota ufficiale, non è corretto affermare che “più di un giovane su tre è disoccupato”, mentre sarebbe più corretto segnalare che “più di uno su tre dei giovani attivi è disoccupato”. Per quanto riguarda il dato sulla disoccupazione giovanile relativo al mese di marzo 2012, i disoccupati di età compresa tra i 15 e i 24 anni sono circa 600 mila, cioè il 35,9% delle forze di lavoro di quell’età e il 10,3% della popolazione complessiva della stessa età, nella quale rientrano studenti e altre persone considerate inattive secondo gli standard internazionali. Se, dunque, un giovane è studente e non cerca attivamente un lavoro non è considerato tra le forze di lavoro, ma tra gli inattivi.

La differenza è sostanziale e permette di capire le peculiarità della generazione dei rassegati: in Italia, sono 2,2 milioni i giovani tra i 15 e i 29 anni che non sono iscritti né a scuola, né all’università, né lavorano e nemmeno seguono corsi di formazione o di aggiornamento professionale. Sono questi i cosiddetti Neet (Not in education, employment or training). Sono il 23,4% della popolazione nazionale di riferimento.

Questo è il dato allarmante delle nuove generazioni, che non è chiaramente affrontabile come un problema semplicemente legato al lavoro e all’occupazione. Per questo abbiamo invitato a discuterne non solamente chi si occupa di lavoro in senso stretto, per interrogarci su come rispondere in modo non occasionale a questa emergenza.

 

PANEL RELATORI

Apertura dei lavori e saluti
 Sabrina Sammuri – Direttore Generale della DG Occupazione e Politiche del Lavoro

Introduce e coordina
: Giuseppe Sabella – Presidente Think-in

Occupazione giovanile e società dei rischi: il deficit culturale italiano

 

Relazione introduttiva di Sergio Belardinelli, Professore Ordinario di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università di Bologna Alma Mater Studiorum
 
Giovani senza futuro? – L’osservatorio della politica
Roberto Formigoni – Presidente di Regione Lombardia
Andrea Gibelli – Vice Presidente di Regione Lombardia
Gianni Rossoni – Assessore all’Occupazione e Politiche del Lavoro di Regione Lombardia
Tiziano Treu – Senatore, Vice Presidente della Commissione Lavoro del Senato della Repubblica
Maurizio Lupi * – Onorevole, Vice Presidente della Camera dei Deputati (* è stato invitato)
 
Video messaggio di:
Michel Martone – Vice Ministro del Lavoro
 
 
 
Giovani senza futuro? – L’osservatorio dei tecnici
Antonio Bonardo – Direttore Public Affairs Gi Group e Ciett Board member
Massimo Ferlini – Vice Presidente Compagnia delle Opere
Mauro Magatti – Professore Ordinario di Sociologia e Preside della facoltà di Sociologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore
Giovanna Mavellia – Segretario Generale di Confcommercio Lombardia
Gianluigi Petteni – Segretario Generale Cisl Lombardia
Maria Cristina Pinoschi – Direttore Settore Formazione Professionale Provincia di Milano
Marco Taisch – Professore Associato di Gestione dei Sistemi Logistici e Produttivi del Politecnico di Milano e delegato del Rettore alla Fidelizzazione e Placement
 
 
Video messaggi di:
Gustavo Pietropolli Charmet – Presidente dell'Istituto Minotauro, già docente di Psicologia Dinamica ed esperto di psicologia dell'adolescenza
Giulio Sapelli – Professore Ordinario di Storia Economica presso l'Università degli Studi di Milano
 
 
Conclusioni: Riccardo Bonacina - Direttore Editoriale Vita